RICCARDO PERSO

Riccardo Perso_cop.png

  • In occasione della Giornata mondiale dell'Alzheimer

    Compagnia Ippogrifo
    Diego Facciotti e Chiara Mascalzoni

    RICCARDO PERSO
    E se Riccardo III avesse l'Alzheimer?

    Scritto e diretto da Alberto RIzzi.
    Luci e fonica Manuel Garzetta.
    Organizzazione Barbara Baldo.
    Con il patrocinio di ASSOCIAZIONE
    ALZHEIMER ITALIA, Verona.


    QUANDO:
    Mercoledì 21 settembre 2022 | ore 21.00

    Per acquistare i biglietti online, clicca sul pulsante Vivaticket.
    vivaticket logo nuovo

    PREZZI  
    € 20,00        Intero + € 2,00 di prevendita
    € 15,00   Ridotto (tutte le riduzioni) + € 1,00  di prevendita
    € 12,00  Prezzo speciale: comuni convenzionati, under18, CardCultura + € 1 prev.

    Card Cultura 

  • LO SPETTACOLO
    L’azione si svolge in varie epoche temporali ed è ispirata alla vita di Riccardo III d’Inghilterra, con particolare adesione storica al personaggio reale e non al personaggio inventato da Shakespeare per il suo omonimo capolavoro. Ma i temi principali sono l’amore e la relazione vittima della malattia cognitiva degenerativa. Un viaggio emozionante e commovente attraverso la storia d’amore fra un uomo e una donna che attraversa il corso del tempo. Lui è Riccardo; lei è la moglie, l’amante, l’infermiera, la madre, la complice. Una coppia che si trova ad affrontare con paura e coraggio le fragilità della mente umana.

    NOTE DI REGIA
    “Certamente il Bardo ha esasperato i tratti dell’ultimo re della casata di York, creando un cattivo per eccellenza e, forse, allontanandosi dalla verità storica. Io ho voluto prendere questo personaggio cattivo e spietato e dargli nuova vita, una immaginaria vita da vecchio e malato. Riccardo morì in battaglia a soli 33 anni. Nel mio testo invece è un vecchio costretto a destreggiarsi negli anfratti di una memoria labile e sottile, dove trova ricordi lieti e altri inquietanti, ma sempre s’imbatte nella sua Anna, l’amore di una vita, ora amica, ora alleata, ora madre. Perché questa malattia colpisce quasi più la famiglia che il malato e non si può raccontarla se non descrivendo anche i suoi effetti su chi accudisce. Per questo ho scelto un cattivo, perché fosse chiaro che il malato di Alzheimer è tolto a sé stesso
    e non importa se da sano fosse gentile o crudele, buono o cattivo: ora egli è altrove e restano custodi del suo passato solo i congiunti.”

    Alberto Rizzi

Stampa Email

Restate connessi

vivaticket w

fb yt logo instagram mail

 LOGO SANO E PURO DEFINITIVO 1
Questo locale è sanificato e purificato con sistema bi-zona.
----
Sito ufficiale del Teatro Dehon di Bologna
Centro Culturale Teatroaperto Soc. Coop. a R. L. – Teatro Dehon - Teatro Stabile dell’Emilia-Romagna
Biglietteria e uffici 051.342934 , Via Libia 59 - biglietteria@teatrodehon.it
Orari Uffici: Dal lunedì al venerdì | ore 9 -13 e 15 -19
Biglietteria: Dal martedì al sabato | ore 15 - 19