A PESO MORTO

A peso morto_cop.png

  • Nell'ambito di
    CRUDO FESTIVAL
    20 | 21 | 26 | 27 | 28 aprile 2022

    A PESO MORTO
    Creazione originale Carlo Massari
    Con Carlo Massari
    Maschere Lee Ellis
    Produzione C&C Company
    a seguire
    ULTIMA VEZ Repertory
    A cura di Eduardo Torroja
    Danzatori del progetto Art Factory International


    QUANDO:
    Giovedì 28 aprile 2022
    Ore 21.00

    In ottemperanza alle indicazioni ministeriali, consigliamo gli
    spettatori di munirsi di biglietto mediante la rete di vendita on-line Vivaticket.

    vivaticket logo nuovo

    PREZZI  
    € 12,00        Prezzo unico

     

  • A PESO MORTO
    Creazione originale Carlo Massari | Con Carlo Massari | Maschere Lee Ellis | Produzione C&C Company

    Una performance site-specific graffiante, una sorta di fotogramma di una periferia senza tempo e identità.
    I protagonisti sono comparse passive di una città che non riconoscono, di una periferia voluta, desiderata, ma sottratta a morsi nell’inutile e alquanto misteriosa nuova definizione di “Città Metropolitana”, che significa tutto e il suo contrario e che sprofonda nell’oblio…
    La città si “evolve”, si espande, dimenticandosi degli individui che hanno abitato le zone più marginali connotandole con i loro stessi tratti distintivi, con i dialetti, con le proprie memorie, le proprie rugosità. Corpi una volta protagonisti, ora pronti al crollo. Un microcosmo statico, stantio, rigonfio di vuotezza.
    La performance è uno studio open air sul vuoto della memoria perduta, sull’oblio delle cose andate. Che cosa resta?
    Corpi esanimi di eroi, re, caduti in disgrazia, malinconici e sognanti, in attesa di qualcuno che si accorga di loro ancora una volta.
    A peso morto rappresenta la pietas contemporanea con una fisicità che alterna lunghi momenti di staticità a improvvisi cedimenti, dinamiche e antidinamiche, distorsioni, disadattamento, sviluppando una profonda indagine sui cambiamenti e le dinamiche sociali.

    - LA COMPAGNIA C&C -

    C&C si identifica come progetto di creazione e sviluppo di un linguaggio artistico in continuo divenire, indirizzato verso un’indagine fisica e drammaturgica, atto a trasmettere e condividere energie e creatività nel modo più diretto, limpido e reale possibile in stretta relazione con le urgenti tematiche sociali contemporanee. Caratterizzata da un lavoro costante e privo di sovrastrutture, C&C si interessa alla profondità delle relazioni interpersonali con l'obiettivo di portare la verità sul palco attraverso un linguaggio profondamente fisico che consenta al pubblico di sentirsi rappresentato all'interno della sua universalità.
    La Compagnia, nata nel 2011 dall’incontro artistico tra Carlo Massari e Chiara Taviani, denota fin dagli esordi una vocazione per l’ibridazione tra danza e physical theater con altri codici artistici, e quindi con la parola recitata e cantata, con il cinema, con la musica e con l'arte contemporanea e performativa, perfettamente calzante con l’ecletticità e versatilità dei suoi performer e avvalendosi di preziose collaborazioni con professionisti provenienti da tutta Europa.
    Tra le numerose produzioni che vantano intense tournée in Italia e all’estero, oltre che prestigiosi riconoscimenti internazionali (tra cui Hiver Oclytes/Les Hivernales [FR], International Choreographic Competition Hannover [DE], Zawirowania Competition [PL], Konzert Theater Berne [CH], Machol Shalem Dance Competition [IL], ACT Festival [ES], Premio Roma Danza [IT], CrashTest [IT] ), sono ricorrenti le creazioni che prevedono il coinvolgimento, sia in fase di progettazione che performativa, delle comunità con cui la Compagnia entra in contatto instaurando un dialogo con la collettività in grado di potenziare il progetto artistico rendendolo concreto ed efficace: una ricerca di verità relazionale che caratterizza la poetica di C&C e che si coniuga a una totale apertura immaginifica e a una curiosità creativa capaci di sviluppare l’astratto dal reale e di avvicinare il pubblico all’esperienza teatrale.

    a seguire

    ULTIMA VEZ Repertory
    A cura di Eduardo Torroja | Danzatori del progetto Art Factory International

    eduardo torroja.jpg

    - EDUARDO TORROJA -

    Nato a Madrid, inizia i primi studi di danza e teatro. Nel 1986 si trasferì a Bruxelles per collaborare con Wim Vandekeybus come assistente di coreografia, formatore e performer per le primissime produzioni Ultima Vez “What The Body Does Not Remember” (1987), “Les Porteuses de Mauvaises Nouvelles” (1989), ” The Weight of a Hand “(1990),” Blush “(2002) e” Boom Sonnic “(2003) e il film” Roseland “(1991).
    Durante gli anni 90, ha lavorato con Rosas – Anne Teresa De Keersmaeker in “Erts” e “Mozart – Concertaria’s: Un Moto di Gioia”. Anche con Needcompany – Jan Lauwers – Grazia Ellen Barkey in “Rood-Red-Rouge”, “Morning Song”, “The Miraculous Mandarin”, “Caligula” e “King Lear”. Ha ripreso e diretto il remake di Ultima Vez di “What The Body Does Not Remember” (1995, 2002 e 2013) e “Les Porteuses de Mauvaises Nouvelles” (2004).
    Eduardo conduce molteplici workshop del repertorio Ultima Vez in Leuven, Volgograd, Bruxelles, Madrid, Amsterdam, Siviglia, Rotterdam, Lisbona, Tokyo, San Paolo, Seoul, ecc.

     

Stampa